Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Le ultime news - VERSO LA 2^ FASE. TRA LE ARMI IN PIU’ DI QUESTA LUPA C’E’ LA MANO CALDA DI ANDREA LONGO

Lunedì 20 Febbraio 2017 - Non ci sono ancora commenti

VERSO LA 2^ FASE. TRA LE ARMI IN PIU’ DI QUESTA LUPA C’E’ LA MANO CALDA DI ANDREA LONGO

Vent’anni ancora da compiere e personalità già da vendere. In casa Lupa Lecce sta germogliando il talento di Andrea Longo. L’ala piccola di coach Bray si sta ritagliando un ruolo importante nell’organico allestito dal presidente Perniola dopo un inizio di campionato in sordina. Proveniente dall’Aurora Brindisi e approdato l’estate scorsa alla corte di Bray con la formula del prestito, il classe 97 sta dimostrando sul parquet una crescita costante in virtù di un bagaglio tecnico molto elevato. La meccanica di tiro del brindisino ricorda quella dei giocatori di primissima fascia, e anche i mezzi atletici,  lasciano presagire a un futuro da protagonista. Fortemente voluto dalla società salentina per rimpolpare un roster già di primo livello per la categoria, col passare del tempo il buon Longo si sta conquistando la fiducia del tecnico dopo aver messo in fila una serie di prestazioni di pregevole fattura. Arresto, tiro e canestro. Si può riassumere nell’eleganza del gesto tecnico l’importanza di questo giocatore per i giallorossi. Anche dalla lunetta le percentuali sono vertiginose e quando spezza il polso la palla viaggia verso la retina con la leggerezza di una pallina da tennis. L’efficacia dall’arco e dalla media distanza del giovane cestista sta diventando un fattore nell’economia del gioco del Lupa. I margini di miglioramenti sono ancora ampi e Bray sta provando a rendere Longo un giocatore efficiente anche nel pitturato per via dei suoi 198 cm. Con tanti punti nelle mani lontani dal canestro, Longo sta contribuendo ai successi della squadra leccese che ha staccato il pass per la seconda fase del campionato di Serie D. “Devo ancora migliorare e ho tanto da imparare, ma sto facendo tesoro dei consigli del coach e di capitan Mocavero per rendermi sempre più utile alla causa – spiega Longo -. Credo di avere molto da migliorare sotto il piano mentale e dell’aggressività agonistica, quindi mi sto applicando con umiltà per non deludere i miei compagni. L’obiettivo è quello di raggiungere la promozione in Serie C con questi colori e stiamo faticando tanto per regalare una gioia ai nostri tifosi e alla società che ha creduto in noi”.