Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Le ultime news - LUPA LECCE SCONFITTA A MOLA 85-79, MA A TESTA ALTA!

Lunedì 9 Ottobre 2017 - Non ci sono ancora commenti

LUPA LECCE SCONFITTA A MOLA 85-79, MA A TESTA ALTA!

Prima di annunciare il mal di trasferta, la Lupa Lecce possiede la grossa attenuante della condizione fisica deficitaria di alcuni elementi fondamentali del roster guidato da coach Bray. Non può e non deve considerarsi un alibi, ma gli acciacchi di Mocavero, Caloia e Lasorte non possono passare inosservati per una neopromossa catapultata nel pianeta della C. La seconda sconfitta esterna rimediata ieri sera a Mola di Bari col punteggio di 85-79, risiede anche e soprattutto nello stato di forma dei suoi alfieri. Ad eccezione dei funamboli Sirena e Colella, i lunghi dell’organico giallorosso sono ancora alle prese con i postumi di infortuni che ne stanno condizionando le prestazioni personali. Nonostante il ginocchio malconcio, Mocavero ha sfornato una performance da 17 punti da autentico leader. Un Mocavero a mezzo servizio centellinato con parsimonia che, se potesse giocare 35/40 minuti a partita come l’anno scorso, sposterebbe gli equilibri di tutta la squadra. I nuovi arrivati Paiano e Ferilli sono in crescita, ma per loro il periodo di adattamento non è ancora terminato. Sono ampi i margini di miglioramento dei due innesti voluti fortemente in estate dalla società presieduta da Angelo Perniola. E se a questa analisi si aggiunge un Lasorte da 2 punti in appena un quarto d’ora di gioco, ecco che il quadro è completo. Il nuovo playmaker della Lupa non si è ancora ristabilito dall’infortunio alla caviglia e tutto l’ambiente aspetta il suo apporto alla causa. Eppure, nonostante le vicissitudini, la Lupa ha tenuto testa all’avversario sino alla fine. I giallorossi sono mancati nel primo quarto concedendo ai padroni di casa 27 punti e il +11 sul tabellone luminoso. Poi è stata è un’altra partita. La Lupa si è fatta preferire nel secondo e nel terzo quarto, difendendo con aggressività e trovando in Sirena il realizzatore di giornata. Ed è proprio nel cuore della gara che la Lupa è riuscita ad annullare il gap con l’ausilio di capitan Mocavero (seppur visibilmente claudicante).  Dall’altra parte hanno fatto la differenza Endzels e Sherman abili a mettere a referto 40 punti in due. Due protagonisti che hanno spinto i compagni alla vittoria soprattutto nel quarto periodo, dando la spallata decisiva alla partita con la bomba da tre dell’ex Laudisa e i liberi a bersaglio di Manchisi.

MOLA DI BARI – LUPA LECCE 85-79

Mola: Clemente 2. Manchisi 6, Maietta 18, Fiore 2, Didonna, Sherman 22, Endzels 18, Cordici 5, Negro, De Giosa, Tanzi. All. Alba.

Lupa: Longo 2, Quaranta, Paiano 13, Colella 5, Sirena 20, Caloia 6, Lasorte 2, Mocavero 17, Passante, Ferilli 14, Zezza, Rizzato. All. Bray.

Parziali: 27-16, 47-37, 69-64, 85-79.

Arbitri Calisi di Monopoli e Lenoci di Massafra.

(Ufficio Stampa Paolo Conte)